logo-chimicare descrizione-chimicare
Loading...

Allergia al veleno dell’ape: le difese dell’insetto contro quelle dell’uomo

allergia-veleno-api

La primavera sta tornando. Si sente già un po’ nell’aria. Presto gemme e fiori spunteranno ovunque e un carico di colori e profumi riempirà le nostre giornate. Insieme ai fiori arriveranno, però, anche gli insetti impollinatori. E se la cosa, da un lato, contribuirà a farci assaporare le delizie di questa stagione ricca di umori e sensazioni grazie al miele elaborato dalle api, proprio le api e gli altri colleghi imenotteri potrebbero decidere di farci assaggiare anche il lato meno piacevole della loro presenza: le punture.

Il problema è noto da millenni. Antiche iscrizioni rupestri testimoniano che le conseguenze spiacevoli delle punture degli imenotteri aculeati erano conosciute dagli uomini dell’età della pietra. Per la maggior parte di noi si tratta comunque di fastidi contenuti, per fortuna. Dolore, rossore e formicolio nella zona colpita per qualche ora e un ponfo nel punto di inoculo che persiste per un paio di giorni. Per alcuni le punture di questi insetti si rivelano invece fonte di parecchi guai e perfino di morte, se non si interviene con tempestività. Ogni anno in questo periodo vengono riportati casi di decessi a seguito di punture di api o vespe che spesso balzano agli onori… Continua a leggere


logo-divulgazione
logo-carnevale